Arezzo secondo Tiziano, un attore 'speciale'

Ci fa piacere dare voce ad una iniziativa che unisce la valorizzazione del patrimonio della nostra terra con un approccio perfettamente in linea con l'idea di "sostenibilità sociale". Leggiamo dunque nel Comunicato Stampa della Fondazione Arezzo Intour:

"Si chiama Tiziano Barbini, ha la sindrome del cromosoma 15 ad anello, fa l’attore ed è orgogliosamente aretino. È lui il testimonial della nuova campagna promozionale “Arezzo secondo Tiziano” con cui la Fondazione Arezzo Intour intende rilanciare la destinazione turistica Arezzo.
Ironia dissacrante e spirito tipicamente toscano sono i punti di forza di un racconto “inconsueto”, colorato e talvolta perfino sgrammaticato, che presenta in maniera autentica e lontana da ogni retorica una terra meravigliosa.
Nessun glamour, nessuna enfasi, nessuna ampollosità: dall’enogastronomia all’arte, dalla natura alle tradizioni, Tiziano con la sua simpatia trascinante accompagna lo spettatore a scoprire Arezzo con gli occhi della semplicità per coglierne lo spirito più sincero.
Otto gli spot che compongono la mini serie e che, a partire da OGGI 13 maggio, verranno resi pubblici con cadenza settimanale ogni giovedì sul portale di destinazione turistica discoverarezzo.com e sulle pagine social della Fondazione Arezzo Intour.
Una scelta “controcorrente” che punta a un preciso obiettivo comunicativo: esaltare l’autenticità di un territorio dove la bellezza e la verità vanno di pari passo, offrendo al viaggiatore l’esperienza unica di sentirsi “cittadino”.

Gli spot della campagna sono stati realizzati dalla Poti Pictures, prima casa di produzione cinematografica sociale al mondo, da un'idea del regista Daniele Bonarini.
La campagna è visibile su Discover Arezzo.